sabato, Dicembre 10, 2022

IMPRESE APPALTATRICI: cosa succede se l’impresa viola la congruità della manodopera?

Le imprese, la congruità della manodopera e la Cassa Edile
Ricordiamo che a partire dall’1.11.2021 entrerà in vigore il Decreto n°143 del 25.6.2021 del Ministero del Lavoro e delle politiche Sociali, sulla congruità della manodopera. Ma cosa succede se un’impresa appaltatrice non ottempera ai versamenti contributivi alla Cassa Edile o Edilcassa? Bene il Decreto prevede che:
-la Cassa Edile/Edilcassa, che deve attestare la congruità, di detti contributi, comunica all’impresa affidataria le difformità riscontrate;
-Provvede a richiedere la regolarizzazione della propria posizione entro il termine di quindici giorni;
-Decorso inutilmente il termine, l’esito negativo della verifica di congruità, porta la Cassa Edile/Edilcassa all’iscrizione dell’impresa affidataria nella Banca nazionale delle imprese irregolari (BNI).
-lo scostamento pari o inferiore al 5% della percentuale di incidenza della manodopera rilascia ugualmente l’attestazione di congruità previa idonea dichiarazione del direttore dei lavori che giustifichi tale scostamento.
Leggi anche
IMPRESE APPALTATRICI: ora l’anticipazione negli appalti fino al 30% anche per i lavori già iniziati
IMPRESE APPALTATRICI: l’anticipazione negli appalti potrà essere fino al 30%.
IMPRESE APPALTATRICI: anche l’Anac sollecita il pagamento degli stati di avanzamento lavori.
IMPRESE APPALTATRICI: l’indennità di recesso dai contratti di appalto.
IMPRESE APPALTATRICI: come costituire una garanzia sull’anticipazione contrattuale.
IMPRESE APPALTATRICI: qual è la quantificazione dei danni da sospensione lavori?
IMPRESE APPALTATRICI: maggiori costi per bitume, acciaio ferro e rete elettrosaldata.
IMPRESE APPALTATRICI: il pagamento degli stati di avanzamento entro 30 giorni dall’emissione.

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here