BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: le procedure operative da eseguire per usufruire del bonus

 

Cosa fare per ottenere il Bonus 110% Ristrutturazioni? Vediamo in 10 punti essenziali, come fare per accedere al bonus, iniziamo dallo status iniziale dell’immobile, partiamo quindi dalla:
1. Redazione dell’attestato di prestazione energetica (APE), che è il primo elaborato da redigere per aver nota la situazione energetica del fabbricato, prima dell’inizio dei lavori, la stessa deve essere redatta da un tecnico abilitato, che non sia però il progettista del successivo intervento a farsi;
2. Redazione del progetto, che per gli interventi di efficientamento energetico, avrà l’obiettivo finale di raggiungere un miglioramento di almeno 2 classi energetiche, o almeno di una. Lo stesso deve essere completo di computo metrico estimativo, di elaborati di progetto, di capitolato speciale di appalto, di piano di sicurezza e coordinamento, nonché del contratto di appalto. Il progetto dovrà essere completato da una relazione tecnica, come indicato dal Decreto Legislativo 192/2005, con il relativo deposito della stessa al Comune di competenza;
3. Redazione e presentazione del titolo edilizio al comune competente, dopo aver individuato e nominato, oltre la figura del progettista, il direttore dei lavori, il coordinatore per la sicurezza in fase di progettazione ed in fase di esecuzione nonché dell’impresa appaltatrice;
4. Invio della notifica preliminare di cui all’art. 99 del D. Lgs 81/08, inerente la Sicurezza del Cantiere;
5. Redazione, a fine lavori, da parte di un tecnico abilitato, di un’asseverazione, riportante la congruità dei costi unitari di progetto utilizzati, nonché della funzionalità dell’intervento progettato;
6. A fine lavori, per dimostrare la funzionalità e la validità dell’intervento realizzato, va redatto un nuovo attestato di prestazione energetica, (APE) ;
7. Per ogni stato di avanzamento lavori (Sal), ricordiamo di importo non inferiore al 30% dell’importo contrattuale, ovvero per lo stato di avanzamento lavori finale, va trasmesso entro 90 giorni, secondo le modalità riportate nel decreto ministeriali asseverazioni, con allegata l’asseverazione di cui al punto 5) all’Enea;
8. I pagamenti dei lavori o servizi e forniture, da parte del contribuente, sono da effettuarsi mediante bonifico bancario o postale, nel quale nella causale devono essere riportati la data della fattura di saldo,
9. il numero della stessa, la partita iva del beneficiario del bonifico, nonché il codice fiscale del contribuente che emette il bonifico e la causale del versamento.
10. La suddetta documentazione va conservata per poi poter essere esibita a richiesta degli enti preposti al controllo per l’applicazione del Bonus 110% Ristrutturazioni.

Leggi anche:

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: in 5 punti essenziali le sanzioni per asseverazioni mendaci dei tecnici

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: è fondamentale che l’immobile possieda la conformità edilizia di partenza

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: anche in condominio, la singola unità può accedere al bonus

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: sono tanti i documenti da produrre per la cessione del credito?

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: in 10 punti le spese tecniche che possono essere portate in detrazione

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: in che modo è possibile usufruire del Superbonus del 110% per le ristrutturazioni?

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: un esempio pratico per scegliere tra detrazioni irpef o cessione del credito?

BONUS 110% RISTRUTTURAZIONI: la tabella riepilogativa degli interventi con le detrazioni possibili

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.















Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

I Video dell’Edilizia

Proposte d’Acquisto