lunedì, Marzo 4, 2024

TITOLI EDILIZI: la proroga dell’ultimazione lavori è lecita per le condizioni meteo avverse?

TITOLI EDILIZI

E’ la problematica evidenziata nel testo della Sentenza n° 528-2023 del 18.5.2023 promulgata dal Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria in tema di titoli edilizi . In particolare, un privato si era visto respingere ’istanza di proroga del termine di ultimazione dei lavori assentiti con permesso di costruire da parte di un’Amministrazione comunale. In particolare, mediante un permesso a costruire, era stato autorizzato la realizzazione di tre nuovi edifici residenziali monofamiliari e la ristrutturazione di un rustico, con incremento volumetrico e cambio di destinazione d’uso. In particolare, però a causa di problemi tecnici, era stata posticipato l’inizio lavori, per cui soltanto nel nel giugno 2014 erano potuti iniziare i lavori ed il ricorrente nel giugno 2017 al termine dei tre anni untili di efficacia del Permesso a costruire provvedeva a richiedere una proroga, di dodici mesi del termine di ultimazione lavori, a causa di eventi meteorologici che non avevano permesso l’ultimazione dei lavori. L’Amministrazione Comunale, dal suo canto aveva rigettato l’istanza di proroga del termine di ultimazione dei lavori. La Sentenza in particolare ha evidenziato che” Con il provvedimento oppugnato il Comune ha, però, negato la concessione della proroga per l’edificazione delle nuove abitazioni, in base a due ordini di motivi: i) il titolo edilizio sarebbe decaduto per incompatibilità dell’intervento con la disciplina urbanistica medio tempore entrata in vigore (che prevede un indice di fabbricabilità inferiore e prescrive la qualifica di imprenditore agricolo professionale in capo al titolare del permesso);” e che “Tanto premesso, il I) motivo di ricorso è fondato, nei sensi in appresso indicati. 3.1. Ai sensi dell’art. 15, comma 2, del d.p.r. n. 380/2001, il termine di ultimazione dell’opera non può superare tre anni dall’inizio dei lavori, a pena di decadenza di diritto per la parte non eseguita, tranne che, anteriormente alla scadenza, venga richiesta una proroga; il differimento può essere accordato, con provvedimento motivato, per fatti sopravvenuti, estranei alla volontà del titolare del permesso, oppure in considerazione della mole dell’opera da realizzare, delle sue particolari caratteristiche tecnico-costruttive, o di difficoltà tecnico-esecutive emerse nel corso dell’intervento. Il comma 4 dell’art. 15 stabilisce che il titolo edificatorio decade anche con l’entrata in vigore di contrastanti previsioni urbanistiche, salvo che i lavori siano già iniziati e vengano completati entro il triennio dalla data di inizio.puntualizzando che “prima dello spirare del triennio [omissis] ha chiesto il differimento del termine finale, rappresentando di essere stata costretta a sospendere per parecchi mesi le attività di cantiere a causa delle avverse condizioni climatiche; nel corso del procedimento ha, altresì, dimostrato gli ulteriori ostacoli dovuti all’immutazione dello stato dei luoghi ad opera di [omissis]”.Per cui l’esito della Sentenza che pronunciava che “ Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Liguria (Sezione Prima), definitivamente pronunciando sul ricorso, come in epigrafe proposto, lo accoglie e, per l’effetto, annulla il provvedimento impugnato”.

Leggi o scarica:

Leggi anche:

TITOLI EDILIZI: le opere temporanee vanno rimosse

TITOLI EDILIZI: non c’è ristrutturazione edilizia se non si ha la certezza del bene demolito.

TITOLI EDILIZI: ancora una proroga per l’aumento dei prezzi

TITOLI EDILIZI: quali possono essere le prove dell’esistenza di un immobile prima dell’1.9.1967?

EDILIZIA PRIVATA: prorogati di altri 90 giorni i Titoli Edilizi

EDILIZIA PRIVATA: una guida ai titoli edilizi ed ai relativi lavori in materia edilizia.

TITOLI EDILIZI: ma quali sono gli interventi di edilizia libera?

EDILIZIA: a che punto è l’unificazione dei modelli per i titoli edilizi?

STAZIONI APPALTANTI: quali sono le notizie rilevabili dal Casellario Informatico dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture?

EDILIZIA: a che punto è l’unificazione dei modelli per i titoli edilizi?

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here