venerdì, Giugno 21, 2024

BONUS DELL’EDILIZIA: con la Legge stop al Superbonus che cosa succede?

BONUS DELL’EDILIZIA

Con la conversione in Legge del Decreto Legge 39/2024, e con l’emendamento contenente alcune integrazioni, è completamente rimodulata la normativa sul Superbonus e sui Bonus dell’Edilizia. A tal proposito, ricordiamo che, già il Decreto Legge 39/2024 suddetto, ha propinato un blocco perentorio e definitivo alla cessione del credito e dello sconto in fattura, imponendo la mera detrazione fiscale decennale dei futuri crediti per lavori e quindi per q le rate future delle detrazioni, inerenti le spese per lavori e servizi dei bonus edilizi (come previsto dal comma 2 dell’articolo 121 del Decreto Legge n. 34/2020). Facciamo un riepilogo dei Bonus dell’Edilizia, sui quali viene applicato il blocco della cessione del credito:

  • Bonus Facciate – commi 219 e 220 dell’articolo 1 della Legge n°160/2019;
  • Bonus Fotovoltaico – comma 1, lettera h art. 16-bis Dpr n° 917/1986;
  • Superbonus fotovoltaico trainato – commi 5 e 6 articolo 119 Decreto Legge 34/2020;
  • Sismabonus – commi da 1-bis a 1-septies, articolo 16 del Decreto Legge n° 63/201;
  • Supersismabonus – comma 4 articolo 119 del Decreto Legge n° 34/2020;
  • Bonus colonnine – articolo 16 ter del Decreto Legge n° 63/2013;
  • Bonus barriere architettoniche – articolo 119 ter del Decreto Legge n°34/2020;
  • Bonus ristrutturazioni edilizie – comma 1 lett a – b – d) articolo 16 bis del Dpr n°917/1986;
  • Superecobonus – commi 1 e 2 articolo 119 Decreto Legge 34/2020;
  • Supersismabonus – comma 4 articolo 119 Decreto Legge 34/2020;
    Oltre a questo con l’ulteriore emendamento integrato al suddetto Decreto Legge 39/2024, a partire dal 2024 il credito di imposta, sarà detraibile in 10 rate annuali di pari importo per tutti gli interventi riguardanti:
  • Superbonus – articolo 119 Decreto Legge 34/2020;
  • Sismabonus -, articolo 16 del Decreto Legge n° 63/201
  • Bonus barriere architettoniche – articolo 119 ter del Decreto Legge n°34/2020;
    Ma poi vi sono una serie di regole che riguardano altri settori della filiera dei Bonus dell’Edilizia, come ad esempio banche, intermediari etc, che sono entrati nei Bonus dell’Edilizia, per la cessione del credito ed ai quali l’emendamento suddetto (lo puoi scaricare qui) non permette più, dal 2024, di compensare con crediti dei Bonus dell’Edilizia i contributi previdenziali, ne possono intermediare ulteriori cessione del credito. Varia anche la norma di ripartizione del credito indiretto, infatti la stessa seguiva prima quella del credito diretto. Per cui le modifiche normative di cui al presnte approfondimento, permettono di ripartire in soli 4 anni le quote annuali per gli interventi di Superbonus ed in cinque quote annuali per gli interventi di Barriere Architettoniche e Sismabonus

Leggi anche:

BONUS DELL’EDILIZIA: quali sono gli interventi su cui è ancora possibile utilizzare la cessione del credito dopo il D.L. 39/2024?

BONUS DELL’EDILIZIA: scarica direttamente il testo del Decreto Legge 39 del 29.3.2023  cancella la cessione del credito

BONUS DELL’EDILIZIA: qual è la tassazione per la vendita degli immobili realizzati con i bonus?

BONUS DELL’EDILIZIA:  la circolare del notariato, ma quali sono i bonus usufruibili nel 2024?

BONUS DELL’EDILIZIA: Sismabonus 85% dall’1.1.2024 la detrazione è valida solo per gli immobili danneggiati dal terremoto?

BONUS DELL’EDILIZIA: previsti tassazione delle plusvalenze, aggiornamenti catastali e ritenute sui lavori

BONUS DELL’EDILIZIA: si sbloccano i crediti fiscali incagliati anche in Abruzzo ed in Puglia?

BONUS DELL’EDILIZIA: con 250 euro si sana l’asseverazione ritardata.

BONUS DELL’EDILIZIA: in 5 punti come calcolare la soglia contrattuale per la quale è necessaria l’attestazione Soa dell’impresa?

Leggi o scarica:

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here