lunedì, Marzo 4, 2024

GARE DI APPALTO: la mancata pubblicità dei curricula dei commissari non incide sulla legittimità degli atti di gara

GARE DI APPALTO

La mancata pubblicità dei curricula dei commissari di gara, non incide sulla legittimità degli atti delle gare di appalto. E’ quanto emerge, dalla Delibera Anac n° 448 del 3 Ottobre 2023. Questa a seguito di un’istanza, presentata da un concorrente, in una gara di appalto, avverso l’aggiudicazione ad un altro concorrente. Per questo, l’istante evidenziava come, nella procedura di affidamento, fosse mancata la pubblicità dei curricula dei commissari e la pubblicazione dei relativi nominativi. Inoltre qualche perplessità, era costituita dal ruolo di Responsabile del Procedimento, che non può coincidere con la presidenza della stessa commissione di gara. La Stazione Appaltante da parte sua, “…..evidenzia poi che il ruolo di RUP è in astratto compatibile con quello di commissario e di presidente della commissione di gara, salva la verifica in concreto di eventuali interferenze fra i due ruoli, tali da compromettere l’imparziale svolgimento dell’incarico di componente della commissione..” L’Anac nella sua suddetta Delibera, verificava che il bando di gara era del 20 giugno 2023, ed era quindi soggetto alle disposizioni del d.lgs. 50/2016. Inoltre avvalendosi della giurisprudenza “ …la mancata pubblicità dei curricula dei commissari non incide in alcun modo sulla legittimità degli atti di gara, non costituendo siffatto adempimento in materia di trasparenza elemento essenziale del relativo atto di nomina» (T.A.R. Campania Salerno, 13 aprile 2023, n. 834, che richiama Cons. St., Sez. V, 14 gennaio 2019, n. 283)…; e che “….l’art. 77, co. 4 del d.lgs. 50/2016, ai sensi del quale «I commissari non devono aver svolto né possono svolgere alcun’altra funzione o incarico tecnico o amministrativo relativamente al contratto del cui affidamento si tratta. La nomina del RUP a membro delle commissioni di gara è valutata con riferimento alla singola procedura…”, mentre con riguardo all’asserita inidoneità di un componente della commissione, che la competenza va riferita alla commissione nel suo complesso. Inoltre, dall’atto di nomina, l’Anac evince che, l’ingegnere in questione è “responsabile di diversi procedimenti nell’Area tecnica del Comune”, il che, oltre all’idoneo titolo di studio, appare quale elemento che denota una specifica esperienza nel settore, fugando ogni dubbio per lo svolgimento della gara e per i requisiti dei relativi commissari.

Leggi o scarica:

Leggi anche:

GARE D APPALTO: ma il ribasso d’asta va applicato anche ai costi della manodopera?

GARE DI APPALTO: il soccorso istruttorio ha una data di scadenza

GARE DI APPALTO:  no al  criterio del prezzo più basso, per i servizi di coordinamento per la sicurezza in fase di esecuzione.

GARE DI APPALTO: i requisiti richiesti devono essere dimostrati dal concorrente e non integrati con il soccorso istruttorio.

GARE DI APPALTO: un esempio pratico sullo scorporo della manodopera nelle offerte

GARE DI APPALTO: offerte anomale, il contraddittorio del Rup, è soddisfatto dalla richiesta di giustificazioni

GARE DI APPALTO: il requisito di punta può essere frazionato?

GARE DI APPALTO: il bando di gara prevale su tutti gli altri documenti di gara.

GARE DI APPALTO: Offerta Economicamente più Vantaggiosa con un solo parametro numerico?

GARE DI APPALTO: attenzione, la manodopera non è più soggetta a ribasso nelle procedure di affidamento dei lavori e servizi

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here