GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA: i casi in cui va redatta la notifica preliminare.

GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA: i casi in cui va redatta la notifica preliminare.

Occupational safety

In tema di Sicurezza dei Cantieri Temporanei e Mobili, ai sensi dell’Art. 99 del D. Lgs 81/08 e s.m.i., un fondamentale adempimento del committente, è quello legato alla redazione ed invio della notifica prelimare ,con la relativa nomina del coordinatore per la progettazione e del coordinatore per l’esecuzione dei lavori, le cui funzioni sono indicate rispettivamente negli articoli 91 e 92 del suddetto Decreto.
La notifica preliminare, va elaborata ed inviata a cura del committente o del responsabile dei lavori, prima dell’inizio dei lavori, all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti.
Vediamo in modo sostanziale quali sono i casi in cui la suddetta procedura va attuata:
• Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea;
• Nei cantieri che, inizialmente non soggetti all’obbligo di notifica, ma poi ricadono nelle categorie di cui al punto precedente, per effetto di varianti o necessità sopravvenute in corso d’opera;
• Nei cantieri in cui opera un’unica impresa, la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorni.
Qualora ricorrano i casi suddetti, già in fase progettuale, il responsabile dei lavori, contestualmente all’affidamento dell’incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione.
E’ fondamentale, altresì, che una copia della notifica, venga affissa in maniera visibile presso il cantiere, ma anche conservata a disposizione dell’organo di vigilanza territorialmente competente.
Cosa deve contenere la notifica?
Oltre all’ndirizzo degli Enti a cui va inviata (all’azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro competenti territorialmente competenti) è fondamentale riportare i seguenti dati:
1) Data della comunicazione;
2) Indirizzo del cantiere;
3) Committente;
4) Natura dell’opera;
5) Responsabile dei Lavori ;
6) Coordinatore per la sicurezza e la salute durante la progettazione dell’opera;
7) Coordinatore per la sicurezza e la salute durante la realizzazione dell’opera:;
8) Data presunta di inizio lavori;
9) Durata dei lavori (presunta);
10) Numero massimo presunto di lavoratori sul cantiere;
11) Numero previsto di imprese nel cantiere n°..;
12) L’impresa identificata per i lavori;
13) Ammontare presunto dei lavori (importo netto comprensivo di oneri per la sicurezza):
La stessa va firmata come detto dal Committente o dal Responsabile dei Lavori.
Oltre al dettato dell’art. 99 del D. Lgs 81/08 e s.m.i. , in tema di notifica preliminare sul Committente grava la verifica dell’idoneità Tecnica, nonché della comunicazione sulla formale consegna del PSC e della comunicazione del nominativo del Coordinatore per la sicurezza e la salute della progettazione dell’opera e del Coordinatore per la sicurezza e la salute per l’esecuzione dell’opera, all’impresa esecutrice.

Leggi anche .GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA: chi e.. come verifica l’Idoneità Tecnica dell’Impresa Appaltatrice?.

Leggi anche:GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA: via il termine minimo dei 10 uomini giorno nei cantieri temporanei e mobili.

Leggi anche:GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA : le funzioni del Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione

Leggi anche: GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA: il Coordinatore della Sicurezza in fase di Progettazione, funzioni e responsabilità.

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.














Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

Proposte d’Acquisto