lunedì, Marzo 4, 2024

CANTIERE:  le casseforme e la sicurezza dei lavoratori

CANTIERE

Nell’ambito delle lavorazioni a farsi in cantiere e sensibili alla tematica della Sicurezza Cantiere sono di interesse le casseforme per i getti in calcestruzzo. Le stesse sono sono definibili come attrezzature provvisionali atte a contenere il calcestruzzo per le fasi di getto e maturazione, per dare allo stesso la forma e la qualità desiderata. Le casseforme, inoltre, sia per il montaggio, l’uso e lo smontaggio presentano per il lavoratore dei rischi molto elevati, per cui va utilizzato il manuale di uso e manutenzione. Le figure fondamentali per la riduzione dei rischi, sono le direttive date in materia dal fabbricante, del progettista e dell’impresa appaltatrice. Infatti, le casseforme prefabbricate, sono montate in cantiere, e realizzate con elementi e componenti prefabbricati quali anche: tavole e travetti di legno, profili e lamiere metalliche. Esse sono assemblate e utilizzate secondo le istruzioni di allestimento, installazione ed uso, redatte dal fabbricante. Inoltre le casseforme si distinguono per:
Le casseforme verticali possono essere distinte in:

  • a telaio,
  • componibili a travi e correnti,
  • a pannelli multistrato,
  • a perdere,
  • modulari,
  • tradizionali,
  • monolitiche,
  • curvilinee regolabili,
  • dedicate.
    Le casseforme sono composte da: – una superficie a contatto con il calcestruzzo, – un elemento resistente, – elementi di vincolo, – elementi di stabilizzazione alle azioni ribaltanti, – elementi di vincolo alla base della cassaforma, – accessori di sollevamento, – elementi di connessione, – attrezzature di servizio e di protezione, – attrezzature per l’accesso.
    La fase più delicata in cantiere è quella del montaggio ovvero le fasi precedenti l’uso, e può comprendere le seguenti fasi: stoccaggio, movimentazione, allestimento, installazione, applicazione del disarmante, controllo della corretta installazione.
    Spetta all’impresa appaltatrice ed esecutrice effettuare la pulizia dei componenti della cassaforma ed in particolare le superfici a contatto con il calcestruzzo. In fase esecutrice l’impresa appaltatrice ed esecutrice deve utilizzare la cassaforma avendo presente i limiti prestazionali, le condizioni di impiego, lo stoccaggio, i disegni esecutivi e gli schemi funzionali previsti dal fabbricante. Anche per le fasi di smontaggio, la stessa impresa dovrà rispettare i limiti prestazionali, le condizioni di impiego, lo stoccaggio, i disegni esecutivi e gli schemi funzionali previsti dal fabbricante per lo smontaggio
    • Leggi o scarica :

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here