COME FARE PER….eseguire i controlli sui calcestruzzi in cantiere accettazione.

Come fare per effettuare i controlli e le verifiche sui calcestruzzo, come previsto dalle Norme Tecniche di Costruzione 2018.
Al Direttore dei Lavori, è demandato il compito della verifica nonchè dell’ accettazione in cantiere del calcestruzzo per i relativi getti per la realizzazione delle strutture delle infrastrutture.
Quali sono in particolare i relativi compiti? Vediamo:
-Acquisire, prima dell’inizio dei lavori, dai relativi progetti, quali sono le caratteristiche dei calcestruzzi da fornire, con facoltà di far eseguire ulteriori prove preliminari (paragrafo 11.2.3 delle NTC 2018);
-Acquisire, i prelievi del calcestruzzo durante l’esecuzione delle opere; ricordiamo che parliamo di prelievo quando acquisiamo dagli impasti di calcestruzzo, durante la posa in opera di campioni ed in particolare ne vanno prelevati due provini;
– la verifica della “Resistenza di prelievo” dato dalla media delle resistenze a compressione dei due provini prelevati e diventa il valore dei provini stessi.
Ricordiamo a tal proposito che, il prelievo non è accettabile se tra i valori di resistenza dei due provini si presenti una differenza maggiore del 20% calcolato sul valore più basso.
Nel suddetto caso, spetta al Direttore dei Lavori, richiedere altri prelievi oltre al numero minimo previsto.
Il Direttore dei Lavori esegue il controllo in relazione al quantitativo di calcestruzzo in accettazione.
Il Direttore dei Lavori è tenuto altresì ai controlli documentali per quanto riguarda:
– che i provini siano accettabili, qualora i cui risultati non soddisfino i criteri di accettazione della resistenza caratteristica prevista;
– ovvero verificare se dovessero insorgere dubbi che riguardino le modalità di confezionamento dei provini o anche la mera conservazione e maturazione degli stessi;
–  e verificare se dovessero insorgere dubbi che riguardino le modalità di posa in opera del calcestruzzo o della sua compattazione e maturazione.
Inoltre per quanto riguarda i calcestruzzi già posati in opera si può verificare a valutare le caratteristiche di resistenza mediante le prove distruttive e non distruttive. Queste ultime sono richieste dal Direttore dei Lavori o dal Collaudatore qualora debbano fare una valutazione del calcestruzzo già posato in opera, come previsto al par 11.2.6 delle Norme Tecniche C 2018).

Leggi anche: LE NTC 2018: le costruzioni composte di acciaio e calcestruzzo. oppure COME FARE PER: valutare la lavorabilità del calcestruzzo. o anche Gestione Cantiere e Sicurezza: un’analisi sui puntelli dei casseri di contenimento dei getti in calcestruzzo.

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.















Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

Proposte d’Acquisto