SICUREZZA CANTIERI: il Coordinatore per la Sicurezza in fase di Esecuzione, le Imprese Mandatarie e le Mandanti.

Ricordiamo in breve che, le Associazioni Temporanee di Imprese (ATI) o i Raggruppamenti Temporanei di Imprese (RTI), sono raggruppamenti di più operatori economici che si associano per poter eseguire appalti per i quali occorrono diverse specializzazioni.
In cantiere, ai fini della sicurezza cantieri, sia le ATI ovvero i RTI, operano o suddividendosi le attività in zone, per cui ognuna delle imprese, ha delle aree di cantiere separate, ovvero, svolgendo le proprie attività specialistiche alternandosi all’interno del medesimo cantiere.
Nel primo caso due imprese, seppur raggruppate o associate, lavorano indipendentemente su differenti realizzazioni di lavori o di opere d’arte, nel secondo caso invece, succede che all’interno del medesimo cantiere, si succederanno più imprese per cui un’ impresa esegue le opere civili, un’altra associata esegue gli impianti meccanici o idrici ed un’altra esegue gli impianti elettrici.
Il coordinatore della sicurezza in fase di Esecuzione deve richiedere all’Impresa Mandataria, (in quanto rappresentante dell’ATI o del RTI),una comunicazione sulla suddivisione delle lavorazioni tra le varie imprese associate.
Inoltre richiede, sempre all’Impresa Mandataria, tutti gli adempimenti relativi all’articolo 95 del D.Lgs. 81/08 e s.m.i., riguardante le misure generali di tutela di cui sono responsabili i datori di lavoro e al successivo articolo 96, relativo agli obblighi dei datori di lavoro.
Tali richieste, come detto, vengono fatte direttamente all’Impresa Mandataria visto il mandato di rappresentanza di cui va riportata menzione con una trattazione all’interno del POS. Però anche se, i rapporti contrattuali con le ATI o i RTI sono sempre tenuti con la mandataria, le singole imprese mandanti conservano i loro requisiti di autonomia, per quanto riguarda l’applicazione del Testo Unico sulla Sicurezza, D.Lgs. 81/08 . Per cui per ogni mandataria deve presentare il proprio POS, e non può essere presentato un unico POS per più imprese. Però l’impresa mandataria è responsabile nei confronti delle mandanti per gli obblighi previsti dall’art. 97 del D.Lgs. 81/08 inerenti gli obblighi del datore di lavoro dell’impresa affidataria.

Leggi anche: SICUREZZA DEL CANTIERE: quale documentazione va consegnata al CSE? oppure GESTIONE CANTIERE E SICUREZZA: ma l’idoneità sanitaria degli operai va verificata dal Coordinatore della Sicurezza in fase di Esecuzione? o anche COME FARE PER…calcolare gli oneri della sicurezza nei Piani di Sicurezza e Coordinamento.

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.















Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

Proposte d’Acquisto