sabato, Aprile 20, 2024

EDILIZIA PRIVATA: gli oneri di urbanizzazione…. il calcolo?

 

backsteine mit meter

 

 

 

 

Il calcolo degli oneri di urbanizzazione dopo che il Tar Lombardia-Brescia che con la sentenza n. 468/2014 del 6 maggio 2014, ha fornito chiarimenti in merito, chiarendo principi sul loro calcolo, nei casi di aumenti di carichi urbanistici.

1) Differenza tra ristrutturazione edilizia e manutenzione straordinaria:

In particolare la stessa Sentenza evidenzia che “in base alle definizioni contenute nell’art. 3 comma 1-b-d del DPR 6 giugno 2001 n. 380 (v. art. 27 comma 1-b-d della LR 12/2005), l’elemento che caratterizza la ristrutturazione rispetto alla manutenzione straordinaria è la prevalenza della finalità di trasformazione rispetto al più limitato scopo di rinnovare e sostituire parti anche strutturali dell’edificio”.

 2) La manutenzione straordinaria:

Invece che “la manutenzione straordinaria può comprendere anche innovazioni, ossia l’introduzione di elementi che modificano il precedente aspetto degli spazi e le relative funzionalità, ma se le innovazioni seguono un disegno sistematico, il cui risultato oggettivo è la creazione di un organismo edilizio nell’insieme diverso da quello esistente, si ricade inevitabilmente nella ristrutturazione”.

Così, ribadisce la Sentenza : “ perché vi sia ristrutturazione non è necessario che cambi la destinazione dei locali o che vi siano incrementi nel volume o nella superficie (questi sono semmai indici della ristrutturazione pesante ex art. 10 comma 1-c del DPR 380/2001). La ristrutturazione presuppone soltanto che si possa apprezzare una differenza qualitativa tra il vecchio e il nuovo edificio”; 

per cui “la normativa regionale (v. art. 44 comma 12 della LR 12/2005) disciplina la fattispecie della ristrutturazione con cambio di destinazione, prevedendo che gli oneri di urbanizzazione primaria e secondaria siano commisurati all’eventuale maggiore somma determinata in relazione alla nuova destinazione rispetto a quella che sarebbe dovuta per la destinazione precedente”.

3) Quali oneri di urbanizzazione sono da pagare:

“Quando si verifica un cambio di destinazione, la pretesa dell’amministrazione è limitata al costo aggiuntivo delle urbanizzazioni per la nuova destinazione, perché non può essere chiesto due volte il pagamento per gli stessi interventi di sistemazione e adeguamento del contesto urbanistico”;

Inoltre ribadisce che “La principale novità introdotta dalla ristrutturazione è rappresentata infatti dall’incremento del carico urbanistico, che può essere assimilato (a scopo esemplificativo) a quello che si verifica quando da una sola grande unità immobiliare si passa a una pluralità di unità immobiliari autonome”.

 4) Utilizzo degli oneri di urbanizzazione:

La stessa Sentenza chiarisce che: “le somme versate a suo tempo dal privato corrispondono a opere di urbanizzazione che l’amministrazione ha realizzato nel medesimo periodo, mentre le nuove opere devono essere evidentemente eseguite con i costi attuali, che non possono essere compensati attraverso rivalutazioni virtuali”

 

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here