LAVORI PUBBLICI: quando vanno esibite le fatture quietanzate dei subappaltatori?

LAVORI PUBBLICI: quando vanno esibite le fatture quietanzate dei subappaltatori?

Tablier de pont

Le fatture quietanzate dei subappaltatori costituiscono la dimostrazione del pagamento effettuato dall’appaltatore a questi ultimi in virtù delle autorizzazioni al subappalto rilasciate dalla Stazione Appaltante.

Infatti, l’articolo 118 c3 del D.Lgs 163/06 (Codice degli Appalti) prevede che a fronte dell’autorizzazione al subappalto, di categorie di lavoro non eseguibili direttamente, faccia seguito la dimostrazione (mediante fatture quietanzate) del pagamento di dette lavorazioni.

Spetta pertanto all’Appaltatore consegnare dette fatture alla Stazione Appaltante nella persona del Responsabile Unico del Procedimento.

Quest’ultimo verifica, oltre all’autenticità, l’esatto importo della fattura quietanzata, rispetto all’importo autorizzato.

La norma prevede che dal punto di vista cronologico tali fatture vadano consegnate, al Rup, nei venti giorni successivi al pagamento dello stato di avanzamento dei lavori.

Tale regola, è valida per tutti i sal dell’appalto, ma non per l’ultimo, per il quale, le fatture quietanzate, devono essere consegnate a garanzia del pagamento dell’ultimo sal.

Infatti, la Stazione Appaltante, e per essa il Rup, resta responsabile in solido verso il subappaltatore per i mancati pagamenti di lavori effettuati, (per conto dell’Appaltatore), in virtù di una giusta autorizzazione al subappalto.

Pertanto, è importante, che l’Appaltatore consegni dette fatture quietanzate alla Stazione Appaltante entro la scadenza, diversamente diventa operativo il provvedimento di sospensione dei pagamenti dei sal.

Un’alternativa potrebbe essere quella che già in fase di gara la Stazione Appaltante indichi l’intenzione di corrispondere direttamente al subappaltatore o cottimista l’importo dovuto per le proprie prestazioni.

In questo caso, gli affidatari indicano, per ogni sal, alla Stazione Appaltante le parti di lavoro da pagare al subappaltatore compreso di importo.

Vedi anche gli articoli :

“Il nolo a caldo e la responsabilità solidale”  del 11.2.2012, in questo sito, nella sezione Gestione Appalti dei Lavori Pubblici

“La regolamentazione del subappalto e della fornitura in opera” del 13.11.2012 , in questo sito, nella sezione Gestione Appalti dei lavori Pubblici

Circa l'autore

3 Commenti

  1. manca franco

    dopo aver quietanzato una fattura mi ritorna indietro l’assegno privo di copertura. La quietanza è ancora valida dopo che è stato comunicato il fatto all’ente appaltante?
    Non solo l’ente appaltante continua a pagare gli altri sal dopo la ns. comunicazione?

    Rispondi
      • Edilbuild.it

        Buongiorno…Se le è piaciuto il sito, può registrarsi alla ns newsletter gratuita.
        Saluti

        EDILBUILD.IT

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.












Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

I Video dell’Edilizia

Proposte d’Acquisto