domenica, Luglio 3, 2022

EDILIZIA: la vigilanza dell’Anac si applica anche ai settori speciali?

Le competenze dell’Anac sono riportate nel comma 1 dell’art 213,. dal Dlgs 50/2016 : “la vigilanza e il controllo sui contratti pubblici e l’attività di regolazione degli stessi, sono attribuiti, nei limiti di quanto stabilito dal presente codice, all’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) di cui all’articolo 19 del decreto legge 24 giugno 2014, n. 90, convertito, con modificazioni, dalla legge 11 agosto 2014, n. 114, che agisce anche al fine di prevenire e contrastare illegalità e corruzione”.
Ma cosa succede per quanto riguarda le Stazioni Appaltanti appartenenti ai settori Speciali?
Il comma 3° del suddetto articolo afferma che l’Anac:” vigila sui contratti pubblici, anche di interesse regionale, di lavori, servizi e forniture nei settori ordinari e nei settori speciali” . Vediamo i punti sostanziali in cui sono riportate menzioni inerenti i settori speciali con inclusioni o esclusione degli stessi da procedure di appalto:
• alimentare la banca dati il sistema della Banca dati unica operi anche per i settori speciali.
• all’Autorità la gestione del sistema di qualificazione delle stazioni appaltanti e delle centrali di committenza. Questa competenza si estende solo parzialmente ai settori speciali;
• quanto previsto dagli articoli 114 e 122 del Dlgs 50/2016 indicano che le Linee Guida sono applicabili nei settori ordinari e sono applicabili per estensione anche ai settori speciali.
• il divieto di appalto integrato, riportato nelle Linee Guida n°1 (affidamento dei servizi di ingegneria) non si applica ai settori speciali, il che sembra presuppore che le altre indicazioni operino anche per tali settori;
• affidamento dei contratti di importo inferiore alla soglia comunitaria, non trovano applicazione le Linee Guida n° 3 inerenti gli affidamenti sottosoglia;
• i criteri di scelta dei commissari di gara, individuati nelle Linee guida n. 5 non sono tra le norme richiamate come applicabili ai settori speciali;
• il regime speciale degli affidamenti in house riportato nelle Linee guida n. 7 è applicabile sia alle amministrazioni aggiudicatrici che agli enti aggiudicatori, e quindi ai committenti dei settori speciali;
• Il comma 5 attribuisce all’Anac un potere ispettivo che, in mancanza di previsioni limitative, si deve ritenere esercitabile anche nei settori speciali.
• , l’Autorità può disporre ispezioni, anche su richiesta motivata di chiunque ne abbia interesse, tale disposizione si applica anche ai settori speciali;

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here