giovedì, Febbraio 22, 2024

LAVORI PUBBLICI – GESTIONE APPALTI: la trasmissione delle perizie di variante all’A.N.A.C.

Constructing bridge

 

 

 

Con il comunicato dell’Anac del 17.3.2015, si è proceduto ad un riordino delle modalità di trasmissione a detta Autorità delle varianti in corso d’opera.

Ricordiamo anche che, tale trasmissione è in ottemperanza all’ art. 37, decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 convertito in legge n.114/2014.

Lo stesso, ricordiamo, ha introdotto l’obbligo per le Stazioni Appaltanti di trasmettere all’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) le varianti in corso d’opera per i contratti pubblici di lavori.

Ricordiamo altresì che l’ambito di applicazione del suddetto obbligo (con trasmissione della documentazione prevista dall’art.37, comma 1, legge n.114/2014), si applica qualora ricorrano i seguenti casi:

  • l’importo dell’appalto a base di gara sia superiore alla soglia comunitaria di cui all’art.28 del d.lgs. n.163/2006 e quindi superiore alla soglia di euro 5.186.000 per i lavori;
  • la variante sia superiore al 10 % dell’importo del contratto originario;

Instituito altresì un modello per poter fare materialmente l’invio dati: è definito “modulo di trasmissione delle varianti (All.I)” al fine di rendere immediato per il Rup la selezione degli atti da trasmettere.

Leggi o scarica il Comunicato Anac-17marzo2015

 

Articoli correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here