REGOLAMENTO APPALTI: la redazione dei calcoli delle strutture e degli impianti.

Con l’analisi del nuovo Regolamento Appalti, all’art. 32 sono stabilite le modalità di redazione dei calcoli delle strutture e degli impianti una delle novità del nuovo Regolamento.
In particolare ne riportiamo il fedele testo presente nell’ultima stesura dello stesso documento:
1.I calcoli delle strutture e degli impianti devono consentire di determinare tutti gli elementi dimensionali, dimostrandone la piena compatibilità ed integrazione con l’aspetto architettonico ed impiantistico e più in generale con tutti gli altri aspetti del progetto.
2. I calcoli delle strutture comprendono i criteri di impostazione del calcolo, le azioni, i criteri di verifica e la definizione degli elementi strutturali principali che interferiscono con l’aspetto architettonico e con le altre
categorie di opere.
3. I calcoli delle strutture che interagiscono con il terreno, quali fondazioni superficiali o profonde, opere di sostegno fuori terra o interrate, devono essere svolti coerentemente con le analisi geotecniche sviluppate per le stesse opere nell’ambito della Relazione geotecnica. Ciò vale in particolare per quelle opere per le quali il dimensionamento è condizionato dalla interazione terreno-struttura dove le azioni esercitate dal terreno dipendono dal comportamento meccanico del volume significativo come pure dalle modalità e dalle sequenze costruttive.
4. I calcoli degli impianti devono permettere, altresì, la definizione degli eventuali volumi tecnici necessari e, per quanto riguarda le reti e le apparecchiature degli impianti, anche la specificazione delle relative
caratteristiche.
5. I calcoli di dimensionamento e verifica delle strutture e degli impianti devono essere sviluppati ad un livello di definizione tale che nella successiva progettazione esecutiva non si abbiano significative differenze tecniche e di costo. Nel caso di calcoli elaborati con l’impiego di programmi informatizzati, la relazione sulle strutture, di cui all’articolo 29, comma 1, lettera e), deve specificare le ipotesi adottate e fornire indicazioni atte a consentirne la piena leggibilità.”

Leggi anche: REGOLAMENTO APPALTI: le nuove categorie di lavori e le nuove classifiche. o anche: COME FARE PER: qualificarsi nella categoria OG 11 con il Regolamento Appalti.

 

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.















Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

Proposte d’Acquisto