EDILIZIA PRIVATA: la Dichiarazione di Inizio Attività, caratteristiche e limiti e di tale titolo autorizzativo

Hochhaus Baustelle ShanghaiLa Dichiarazione di Inizio Attività  denominata Dia, è il titolo edilizio utilizzabile qualora non siano presenti vincoli particolari( di natura paesaggistica, monumentale etc).

Le opere che si possono realizzare sono quelle che non rientrano nei seguenti interventi che sono ad libera attività:

a) gli interventi di manutenzione ordinaria;
b) gli interventi volti all’eliminazione di barriere architettoniche che non comportino la realizzazione di rampe o di ascensori esterni, ovvero di manufatti che alterino la sagoma dell’edificio;
c) le opere temporanee per attività di ricerca nel sottosuolo che abbiano carattere geognostico, ad esclusione di attività di ricerca di idrocarburi, e che siano eseguite in aree esterne al centro edificato;
d) i movimenti di terra strettamente pertinenti all’esercizio dell’attività agricola e le pratiche agro-silvo-pastorali, compresi gli interventi su impianti idraulici agrari;
e) le serre mobili stagionali, sprovviste di strutture in muratura, funzionali allo svolgimento dell’attività agricola.

Con la Dia con si possono nemmeno eseguire i i seguenti lavori:

a) gli interventi di nuova costruzione;
b) gli interventi di ristrutturazione urbanistica;
c) gli interventi di ristrutturazione edilizia che portino ad un organismo edilizio in tutto o in parte diverso dal precedente e che comportino aumento di unità immobiliari, modifiche del volume, della sagoma, dei prospetti o delle superfici, ovvero che, limitatamente agli immobili compresi nelle zone omogenee A, comportino mutamenti della destinazione d’uso.

Sono invece ammissibili i seguenti interventi:

le varianti a permessi di costruire che non incidono sui parametri urbanistici e sulle volumetrie che non modificano la destinazione d’uso e la categoria edilizia, non alterano la sagoma dell’edificio e non violano le eventuali prescrizioni contenute nel permesso di costruire

La documentazione da allegare alla Dia è la seguente

  • Gli elaborati tecnici dell’intervento edilizio da eseguire;
  • le attestazioni e le asseverazioni predisposte dai tecnici abilitati;
  • e dichiarazioni di conformità e gli atti dichiarativi.

La documentazione va allegata all’atto della presentazione della Dia;

I lavori possono iniziare entro 30 giorni dalla presentazione della Scia, all’Amministrazione comunale e qualora quest’ultima non richieda eventuali chiarimenti ovvero integrazioni di documentazione.

Tale titolo autorizzativo è valido per tre anni, ed alla fine dell’opera spetta al progettista architettonico emettere un certificato di regolare esecuzione ovvero di collaudo che attesti la conformità dell’opera al progetto presentato.

La presentazione va effettuata  all’ufficio protocollo dell’Amministrazione comunale, ovvero inviati mediante raccomandata con Avviso di Ricevimento, in questo caso la sua efficacia è in essere a partire dal ricevimento della Scia da parte dell’Amministrazione.

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.













Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

Proposte d’Acquisto