EDILIZIA PRIVATA : è’ possibile avere l’autorizzazione paesaggistica per la costruzione di volumi tecnici

0
6

E’ quanto affermato da una sentenza del Tar della Puglia, la n° 35 dell’11.1.2013.

Il ricorrente, durante i lavori di manutenzione ordinaria di un fabbricato, aveva provveduto a ricostruire la copertura di un immobile, rialzando i muri perimetrali con una portafinestra per l’accesso al fine di consentire la manutenzione di un terrazzino.

Inoltre aveva, altresì provveduto, a presentare domanda di permesso a costruire in sanatoria, per i suddetti lavori.

Il Comune, aveva inviato a tal proposito, una richiesta di compatibiltà paesaggistica alla Soprintendenza, la quale aveva espresso il suo parere contrario.

E a questo punto il ricorrente aveva proposto ricorso presso il suddetto Tar.

Era facilmente verificabile dagli atti che l’intervento abusivo consisteva nella realizzazione di un”vano tecnologico”, fatto espressamente riconosciuto come tale anche dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio.

La Sentenza del Tar  oltre ad esaminare le motivazioni addotte tra le parti, ha richiamando una sentenza del Tar di Bari (T.A.R. Bari, Sezione III, 30 ottobre 2012, n. 1859) nella quale si evidenziava  in particolare che  “ esulino dalla eccezione prevista dall’articolo 167, comma 4, lettera a) del D.Lgs. n. 42 del 2004, gli interventi che abbiano contestualmente determinato la realizzazione di nuove superfici utili e di nuovi volumi  e che, di converso, siano suscettibili di accertamento della compatibilità paesistica anche i soppalchi, i volumi interrati ed i volumi tecnici atteso che i volumi tecnici, proprio in ragione dei caratteri che li contraddistinguono, trattandosi di opera priva di autonoma rilevanza urbanistico‐funzionale che non risultano particolarmente pregiudizievole per il territorio”

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here