DECRETO RILANCIO: niente alibi alle stazioni appaltanti per la stipula dei contratti

DECRETO RILANCIO: niente alibi alle stazioni appaltanti per la stipula dei contratti

Pubblicata in la legge 17 luglio 2020, n. 77 in Gazzetta Ufficiale n. 180 del 18 luglio 2020, che è la conversione in legge del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, recante «Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19» detto anche Decreto Rilancio.
Secondo l’articolo 4, la stazione appaltante deve concludere il contratto nei termini previsti dalla legge o dal bando di gara. Per cui dal suddetto articolo si tende a scongiurare il ritardo o rinvio dellaa stipula del contratti per pendenza di ricorsi
giurisdizionali o per altri motivi, Infatti . per tutte le opere, in sede di pronuncia cautelare, è prescritto di tener conto del preminente interesse alla sollecita realizzazione dell’opera e dell’interesse del soggetto aggiudicatore alla celere prosecuzione delle opere.

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.













Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

I Video dell’Edilizia

Proposte d’Acquisto