sabato, Aprile 20, 2024

IMPRESE APPALTATRICI: il regime transitorio e la qualificazione nelle categorie OG. 2 puntata

Bagger im Flussbett

Ma come funziona la qualificazione delle Imprese con questo regime transitorio verso il Nuovo Codice degli Appalti D. Lgs 50/2016?

Per la regolamentazione di tale tipo di categorie, il Nuovo Codice degli Appalti, prevede all’art. 89, comma 11, del D. Leg.vo 50/2016, l’emanazione di un Decreto da parte del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, che sentito il Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici, provvederà ad emanare un provvedimento ad hoc, Nel frattempo, per la fase di transizione, continua ad applicarsi (ai sensi dell’art. 216, comma 15) il Decreto-Legge 28 marzo 2014, n. 47 (Misure urgenti per l’emergenza abitativa, per il mercato delle costruzioni e per Expo 2015) convertito in legge ad opera della L. 23 maggio 2014, n. 80, e precisamente l’art.12 che descrive: le “disposizioni urgenti in materia di qualificazione degli esecutori dei lavori pubblici”.

Per cui, quali sono i requisiti di qualificazione relative alle categorie generali (OG)che non sono categoria prevalente?

Per le 13 categorie OG che ricordiamo essere:

 OG1 Edifici civili e industriali
OG2 Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela
OG3 Strade, autostrade, ponti, viadotti, ferrovie, metropolitane
OG4 Opere d’arte nel sottosuolo
OG5 Dighe
OG6 Acquedotti, gasdotti, oleodotti, opere di irrigazione e di evacuazione
OG7 Opere marittime e lavori di dragaggio
OG8 Opere fluviali, di difesa, di sistemazione idraulica e di bonifica
OG9 Impianti per la produzione di energia elettrica
OG10 Impianti per la trasformazione alta/media tensione e e per la distribuzione di energia elettrica in corrente alternata e continua ed impianti di pubblica illuminazione
OG11 Impianti tecnologici
OG12 Opere ed impianti di bonifica e protezione ambiente
OG13 Opere di ingegneria naturalistica

 Abbiamo che:

Per lavori > 10% importo contrattuale – o per la vori > 150.000 euro

  • Le categorie scorporabili vanno indicate nel bando di gara;
  • Per le imprese obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile anche se c’è un avvalimento;
  • Per le imprese obbligo di ATI verticale, con la mandante che ha l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile;
  • Per le imprese obbligo di subappaltare al 100% con subappaltatori che hanno l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile;

Per lavori < = 10% importo contrattuale – o per la vori < = 150.000 euro (tranne per la categoria OG2)

  • Le categorie scorporabili non vanno indicate nel bando di gara;
  • Per le imprese l’obbligo di possedere in proprio la categoria prevalente per l’importo lavori ed i lavori diversi sono assumibili in proprio;
  • Per le imprese la facoltà di costituire un’ ATI verticale;
  • Per le imprese la facoltà di subappaltare al 100% .

Per la categoria OG 2 : Restauro e manutenzione dei beni immobili sottoposti a tutela           

Per lavori < = 10% importo contrattuale – o per la vori < = 150.000 euro

  • Le categorie scorporabili vanno indicate nel bando di gara;
  • Per le imprese c’è l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile anche se c’è un avvalimento;
  • Per le imprese c’è l’obbligo di ATI verticale, con la mandante che ha l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile;
  • Per le imprese c’è l’obbligo di subappaltare al 100% con subappaltatori che hanno l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile;

 Per la categorie OG 11 : Impianti tecnologici

Per lavori > 15% importo contrattuale

    • Le categoria scorporabile va indicata nel bando di gara;
    • Per le imprese c’è l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile anche se c’è un avvalimento;
    • Per le imprese c’è l’obbligo di ATI verticale, con la mandante che ha l’obbligo di possedere in proprio la categoria scorporabile;
  • Per le imprese c’è l’obbligo di subappaltare massimo al 30% e per le imprese c’è l’obbligo di possedere in proprio per il 70% della categoria scorporabile.

Leggi anche: IMPRESE APPALTATRICI: ma come va regolata la qualificazione delle Imprese nel periodo transitorio? 1 puntata-

Articoli correlati

1 COMMENT

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here