GARE DI APPALTO: non si possono richiedere ai concorrenti, in fase di qualificazione, l’espletamento di lavori identici a quelli oggetto di gara.

GARE DI APPALTO: non si possono richiedere ai concorrenti, in fase di qualificazione, l’espletamento di lavori identici a quelli oggetto di gara.

L’anac con delibera n° 43 del 17.1.2018, ha chiarito in parere di precontenzioso ai sensi dell’art. 211, comma 1, del d.lgs.50/2016, ha chiarito che nei bandi di gara non è sempre corretto parlare in fase di qualificazione del concorrente, di richiedere di aver eseguito “tipologie di lavori analoghi” richiedendo altresì la specificità dei lavori oggetto del bando di gara.
Infatti, detta delibera, chiarisce che “la clausola del bando che richiede quale requisito di partecipazione lo svolgimento negli ultimi dieci anni di due servizi attinenti all’architettura e all’ingegneria, riferiti a tipologie di lavori analoghi”,….. ossia interventi puntuali sulla materia oggetto della gara,……” non è legittima perché, in violazione delle Linee guida n. 1 assimila impropriamente il concetto di lavori analoghi con quello di lavori identici, con conseguente ingiustificato sacrificio del principio della massima partecipazione.

Circa l'autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter e resta sempre informato. Iscrivendoti, dichiarerai di aver letto e accettato l'Informativa sulla Privacy.
















Edilbuild su Facebook

Edilbuild su Twitter

I Video dell’Edilizia

Proposte d’Acquisto