martedì, Agosto 3, 2021

Griglie e caditoie dispositivi di coronamento urbano resiliente

La capacità di un sistema di resistere al cambiamento senza variare il proprio stato o recupere lo stato perduto post trauma, viene studiata in diversi ambiti. Tale capacità, definita resilienza, è diventata elemento di ricerca nello sviluppo urbano sostenibile: infatti i luoghi urbani, edificati, per la loro struttura difficilmente possono resistere ad una perturbazione senza cambiare stato ed ancor meno recuperare lo stato perduto, a differenza dei luoghi naturali che reagiscono ad eventi accidentali con elevata capacità di preparazione, risposta e recupero delle proprie funzioni. Recenti progetti volti ad incrementare la resilienza in ambienti urbani prendono in analisi problematiche ad oggi sempre più crescenti quali i cambiamenti climatici, le isole di calore, gli squilibri energetici ed il regime precipitativo in superfice che alterano l’equilibrio delle città. Tali modelli lavorano sovente di pari passo con progetti di deep energy renovation per la riqualificazione energetica del patrimonio edilizio in un’ottica green, proponendo soluzioni innovative che permettono al tessuto urbano di resistere nel lungo periodo alle sollecitazioni dell’ambiente e del tempo. Per loro parte anche i dispositivi per coronamento stradale possono contribuire, nei più ampi progetti infrastrutturali e impiantistici di drenaggio urbano, al controllo dei fenomeni di percolazione idrica e runoff stradale, riducendo l’impatto sull’ambientale di acquedotti e fognature. Un sistema di drenaggio urbano, infatti, è costituito dalle opere di raccolta ed immissione delle acque meteoriche e reflue nei collettori stradali attraverso i manufatti di controllo idraulico ed ambientale, pensati per drenare e raccogliere le acque usate e quelle di pioggia, convogliandole lontano dalle aree urbanizzate. Ora, le nuove applicazioni di drenaggio urbano, prevedono, in un’ottica sostenibile e resiliente, di gestire l’acqua urbana e ottenere benefici in termini di qualità delle acque nel rispetto del bilancio idrologico pre-urbanizzazione. Tra i manufatti di controllo idraulico ed ambientale di comune utilizzo, ma utili anche per un sistema di drenaggio urbano resiliente, Link propone una linea drenaggio in ghisa sferoidale, suddivisa per classi di portata e tipologia di applicazione, composta da 

• CHIUSINI A RIEMPIMENTO con telaio in ghisa sferoidale GJS 500-7 normativa UNI EN124-1/2, gruppo 3, classe C250 (kN 250 = t. 25,49) Installazione: C250/Gruppo 3, EN124-1/2 o classi/gruppi inferiori 

• GRIGLIA CONCAVA e PIANE CON TELAIO “SMARTLOCK” – con telaio in ghisa sferoidale GJS 500-7 norme UNI EN124-1/2, Gruppo 3, classe C250 (kN 250 = t. 25,49). Predisposte, ad esclusione delle sole 700×700, per l’utilizzo di sifone. Tali articoli dispongono di un sistema di vincolo al telaio con cardini di rotazione, consentendo l’apertura e, all’occorrenza, l’eventuale rimozione delle griglie. Sono provviste inoltre di un sistema elastico di chiusura di sicurezza a scatto, che previene aperture accidentali pur consentendo regolari accessi per pulizia e manutenzione degli impianti di raccolta. Le nostre caditoie nella classe C250, nel rispetto del Decreto Del Ministero dei Lavori Pubblici, hanno feritoie dalla larghezza inferiore a mm. 20 per la sicurezza del traffico ciclistico e di carrozzine per disabili. La superfice drenante è stata sviluppata per essere ampiamente entro i requisiti di normativa, favorendo il normale deflusso delle acque. 

• GRIGLIA PER ALBERI IN GHISA SFEROIDALE  – circolare e quadrata in ghisa. Installazione: A15 / Group 1

I dispositivi di coronamento e di chiusura, a prescindere dall’accuratezza della posa, sono normalmente soggetti a vari gradi di usura nel tempo, soprattutto se installati in zone di grande sollecitazione. Pertanto è opportuno verificare periodicamente le condizioni generali della cornice del telaio, la superficie di appoggio del coperchio o griglia sul telaio e le guarnizioni ove presenti, nonché la funzionalità dell’eventuale articolazione e dei sistemi di bloccaggio. Di rilevante importanza è l’ordinaria manutenzione di rimozione di foglie e detriti per contenere il dilavamento stradale.

Per ulteriori informazioni non esitate a contattare il nostro ufficio tecnico.

 

Articoli correlati

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here